venerdì 23 settembre 2011

Mi invento i detti famosi

Ti voglio! dice il formaggio alla pera, che cadendo dal noto pero lo guarda e non capisce. Ti voglio! ripete lui con decisione. E' un bel pezzo di formaggio grana, lui. La pera è la morte sua, lo sa lui e lo sa il contadino che si gode la scena da sotto un albero; il pero, appunto.
Lo sanno tutti, del fomaggio e della pera; che sono la coppia perfetta, dico.
Non ci si può mettere per traverso a un siffatto destino.
Però c'è che la pera è un pochetto testarda, sembra faccia di tutto per fuggire a quel meraviglioso odine universale cosmico pensato per lei; di finire con quel gran pezzo del grana, dico.

E insomma ce ne vorranno di peripezie perché il buon fato si compia (è sempre così, che la necessità è per vederci felici e fa pure di tutto, credete, e noi invece facciamo di tutto per rovinare e complicare le cose, e essere infelici), finché la pera s'arrende (s'accorge? si sveglia?) al buon formaggio, facendo di quella accoppiata la migliore dei secoli.
C'è da dire che mai come quel formaggio e quella pera.

Da cui il famoso detto "non fare la pera", a intendere che non bisogna accanirsi a rovinare i piani di un buon destino pensato per noi complicando, incasinando, correndo, scappando, ingarbugliando, ragionando in maniera logica e ragionevole e ostinandosi a remare contro.
Pfiu.

Va anche detto che "due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno formano, quando reagiscono tra loro una sostanza, l'H2O, le cui qualità non sono riconducibili a quelle dei due elementi fondamentali H e O. L'acqua è qualcosa di diverso, non è solo la somma di determinate qualità individuali e sarebbe insensato ogni tentativo di ridurla alle sue singole componenti. E' proprio questo genere di sciocchezza che non di rado commettiamo. [...] Ogni rapporto (fra atomi, cellule, organi, uomini o nazioni, poco importa) è qualcosa di più e di diverso delle componenti che i due partner portano con sé nel rapporto: dall'alchimia scaturisce una qualità emergente sovrapersonale." (da Paul Watzlawich: Di bene in peggio)

E il contadino lo sa.

8 commenti:

  1. Ciao!!! Prima ancora di leggerti voglio proprio salutarti. Guarda, il tuo ritorno mi fa persino dimenticare il satellite

    RispondiElimina
  2. Ho letto, e riso ... bellissimo.
    E il libro che citi è un capolavoro, pari merito a "Istruzioni per rendersi infelici", del medesimo.
    Vabbè, basta, adesso tolgo il disturbo.

    RispondiElimina
  3. Che bello leggerti. Solo che mi ha messo tristezza sapere che il formaggio alla fine muore di overdose. :-(

    RispondiElimina
  4. Maimaturo: grazie! Il libro che citi sarà la mia prossima lettura infatti :) (ah, non disturbi affatto)
    Purtroppo: non essere triste, il grana ha avuto una vita densa e saporita.

    RispondiElimina
  5. stavopeggioquandostavomeglio24 settembre 2011 13:21

    Conosco delle pere che non si arrenderanno mai, fino a che non avranno il loro bel pezzo di pecorino! (altro che grana..)
    bentornata

    RispondiElimina
  6. Mezzatazza: io il contadino lo vedo con un sorriso sulle labbra, ma il bello è quello, la diversità dello sguardo :)
    Stavomeglio: infatti ogni formaggio ha la sua pera!

    RispondiElimina
  7. Wow, bello!
    Però ora ho fame.
    eheheh...

    RispondiElimina