giovedì 7 gennaio 2010

C'è un modo

C'è un modo vecchio, che hai, di pensare, c'è un modo vecchio, un modo di inflilare le cose, i pensieri, c'è quel modo che non, che non

che non

c'è quel modo vecchio che è come se per attraversare la campagna tutte le volte facevi quella strada lì, e avanti-indré, avanti-indré, si è formato il sentiero e allora lo imbocchi ma adesso c'è che quel sentiero lì, come dire, quando cambi casa e cerchi sempre la luce a destra, entri, a destra, a destra non c'è, è una casa nuova, a destra non c'è per accendere la luce, e allora quel modo lì, quel sentiero, ecco, per dire, io adesso mi sa che corro di traverso per la campagna, con l'erba a mezza gamba, che mi bagno anche con l'umidità.


Comunque è fatica fare un dialogo interiore con un cervello che vuole sempre l'ultima parola. Poi tocca litigarci.

5 commenti:

  1. Mrs Van Deer Gaz con un post del genere ho di che riflettere x un bòn po'...
    Vorrà dire che ti dedico la prox liticata col cervello! ;D

    RispondiElimina
  2. stavomeglioquandostavopeggio8 gennaio 2010 00:37

    sono
    proprio
    orgogliona
    di
    essere
    tua
    vicina.

    RispondiElimina
  3. Però prendi la nuova e gli automatismi di un tempo ti sembrano assurdi, incontrollati, fastidiosi, ma migliori per un verso. Ti fanno litigare col cervello che vuole vincere sempre, ma vedrai che si abituerà; allora quando ti ricapiterà di nuovo, dopo un po' che non succedeva più, sorriderai e capirai che bè sì, il cervello vuole l'ultima parola e ha proprio ragione. Perché bagnarsi a mezzagamba non è poi così male se pensi che è uno stralcio di vita passata. La tua.

    RispondiElimina
  4. Perché i cervelli, ho scoperto, sono una roba che delle volte è fatica, veramente.

    Vicina... t'è arrivato il sasso con la fionda dell'altra volta? Grazie dell'orgoglione, recirpoco. Comunque quando vuoi puoi venire a tenere i bambini che così io vado al cinema, non fare la timida dai. :D

    Ubi Maior: quello, esattamente quello.
    Ma bagnarsi a mezza gamba sarà il futuro, per un po' almeno (anche sedersi e aspettare). E' il vecchio sentiero ad essere lo stralcio di vita passata, la mia, che però preferisco veder pian piano sparire sommerso dall'erba, visto che quello lì è un sentiero che non, che non
    che non.

    RispondiElimina
  5. ...che non percorrerai più per conto tuo, solo tuo, e se un giorno riprenderai, magari con i bambini, con un vecchio amico,con tuo marito, non so, lo farai con occhi diversi...Cmq a star seduti nell'erba bagnata ci si macchia i jeans in maniera irreversibile.

    RispondiElimina